VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEL BEL PAESE
Perdersi tra le bellezze d’Italia, senza perdersi il meglio.
DOLCI DELLE FESTE

A Carnevale, ogni fritto vale!

Da nord a sud, ecco i 5 dolci che ai nostri palati rendono perfetto il Carnevale. Un trionfo di fritture, ma con un finale a sorpresa…

chiacchiere di Carnevale

Che le si chiami chiacchiere, bugie, crostoli, cenci, sfrappole o frappe, una cosa è certa: a Carnevale non possono mancare! Delle golose strisce sottili a base di farina e uova, ogni regione ha la sua variante, così come diversi sono i nomi che ritroviamo lungo tutto lo Stivale.

I dolci fritti del Carnevale richiamano esattamente la voglia di evasione e il clima di trasgressione di questa festa così amata dai bambini. Sì, perché Carnevale è per antonomasia il tempo del gioco e della fantasia, della dissacrazione e del mascheramento, delle “bugie”, appunto, dell’anticonformismo e della rottura degli schemi. Come si può pensare di non ritrovare tutto ciò anche nella tradizione gastronomica?

Assieme alle più famose chiacchiere, esistono molti altri dolci che inebriano con il loro aroma le giornate che precedono la Quaresima, fino alla chiusura dei festeggiamenti del martedì grasso.

 

I 5 dolci top di Carnevale

Iniziamo con le castagnole, morbidissime frittelle originarie dell’Emilia Romagna, ma ormai note in tutta Italia, seppur con nomi diversi. castagnole di CarnevalePer realizzarle, basterà disporre su una spianatoia farina e lievito ben setacciato, aggiungendo al centro zucchero, uova, buccia di limone, vaniglia, burro morbido tagliato a pezzetti e un pizzico sale. Con l’impasto, si creeranno delle palline della grandezza di una castagna, da cui, appunto, il loro nome, da tuffare in olio bollente. Una volta fritte, sarà un piacere rotolarle nello zucchero. Per rendere il tutto ancora più peccaminoso, possono essere farcite con crema pasticcera o cioccolato.

Simili alle castagnole, ma con aggiunta di latte e uvetta nell’impasto, sono le “fritole” veneziane, diffuse anche in Friuli Venezia Giulia nella variante con mele grattugiate e pinoli.

E che buffet di carnevale sarebbe senza la cicerchiata? Simile agli struffoli napoletani, ma tipica del centro Italia, mantiene la caratteristica forma di una ciambella composta da palline fritte nell’olio o nello strutto. L’impasto è sempre a base di farina, uova, zucchero e olio (o burro), profumato con del liquore e della buccia di limone o arancia. Una volta fritte e scolate, le piccole palline vengono ricoperte di miele, per la gioia dei grandi golosi.

 

Salendo a nord, invece, in Alto Adige troviamo i cosiddetti “strauben”, che in Trentino vengono chiamati “stròmboi. strauben di CarnevaleL’impasto di questa delizia fritta a forma di spirale, viene preparato con farina, uova, latte, grappa, burro, un pizzico di sale e trasferito in un imbuto, o in un colino a stantuffo. Questo passaggio è fondamentale, perché il preparato degli strauben dev’essere versato a cerchi concentrici nell’olio bollente per formare una chiocciola. Una volta scolata, si cosparge con abbondante zucchero a velo e confettura di mirtilli rossi o neri.

 

A Carnevale, non solo fritti…

Migliaccio di Carnevale

Per salutare il Carnevale, passiamo dal fritto al forno e chiudiamo la nostra carrellata di delizie con il migliaccio dolce. Tanto semplice da preparare, quanto unico per gusto e consistenza, il migliaccio è un dolce carnevalesco della tradizione campana dalle origini molto antiche.

Oggi si prepara nella maggior parte dei casi con il semolino al posto della farina di miglio, versato a pioggia in un pentolino dove verranno portati a bollore latte, acqua, sale e burro. Il resto dell’impasto prevede la lavorazione della ricotta aromatizzata alla vaniglia, cui si incorporeranno uova, zucchero e la ricotta setacciata. Una volta unite le due lavorazioni, il migliaccio si cuoce in forno, terminando con un’abbondante spolverizzata di zucchero a velo.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi