VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEL BEL PAESE
Perdersi tra le bellezze d’Italia, senza perdersi il meglio.
tradizione a tavola

A Natale, non solo tortellini: i cappelletti romagnoli

Nati in Romagna, ma oramai diffusi in tutta l'Italia centro-settentrionale, i cappelletti celebrano la tradizione regionale della pasta ripiena.

Cappelletti romagnoli

La pasta all’uovo, soprattutto nella sua declinazione ripiena, è tra i fiori all’occhiello della tradizione culinaria emiliana e romagnola, di cui i cappelletti sono la massima espressione, da non confondere con i cugini tortellini.

Originari della Romagna, più precisamente delle terre tra Cesena, Reggio Emilia e Ferrara, questa pasta ripiena si differenzia dai parenti emiliani per ripieno, chiusura, dimensione e modalità di cottura: insomma, una pasta di tutt’altra pasta! Sulle dimensioni, poi, esistono differenze sostanziali al passare dai pressi dell’Appennino reggiano, dove sono molto, molto piccoli, fino a raggiungere il Po, in un crescendo di diametro.

Se è vero, però, che la differenza esiste anche tra famiglie dello stesso paese e che non è possibile trovare l’unica, originale, scolpita nella pietra come un dogma, è altresì vero che su una questione tutti sono d’accordo: il brodo in cui vanno serviti deve essere necessariamente molto grasso, preferibilmente di cappone o di gallina.

Anche sulle origini, manco a dirlo, vige l’incertezza, anche se la prima testimonianza storica di questa pasta ripiena è del 1811, anno in cui nel Regno d’Italia napoleonico fu organizzata un’indagine conoscitiva sulla vita degli abitanti delle campagne. Nel rapporto redatto dal prefetto di Forlì si legge che “A Natale presso ogni famiglia si fa una minestra di pasta col ripieno di ricotta che chiamasi cappelletti. L’avidità di tale minestra è così generale che da tutti, e massime dai preti, si fanno delle scommesse di chi ne mangia una maggior quantità”. Un piatto storico, goloso e che scalda il cuore, da replicare a Natale e ogni volta che si desidera sentire profumo di famiglia, di casa, di condivisione.