VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEL BEL PAESE
Perdersi tra le bellezze d’Italia, senza perdersi il meglio.
OBIETTIVO VALORIZZAZIONE

Coppa d’Oro 2020, segno di ripartenza

La città di Piacenza lancia un riconoscimento per il coraggio e la tenacia dimostrate durante il Covid-19.

La suggestiva cornice del Palazzo Gotico di Piacenza ha ospitato recentemente la 13sima edizione del premio Coppa d’Oro. Un riconoscimento ideato dal Consorzio dei Salumi DOP Piacentini con l’obiettivo di far conoscere i salumi a denominazione d’origine protetta e valorizzare, al contempo, il territorio piacentino con le sue eccellenze.

Coppa d’Oro rientra infatti tra i progetti del programma triennale Europe, open air taste museum, che intende promuovere il settore della salumeria e dei salumi piacentini tutelati a marchio DOP in Italia, Germania e Francia.

Quest’anno, come suggerito anche dal tema portante “Orgoglio italiano, un sentimento da custodire”, il premio è stato conferito a personaggi che si sono contraddistinti per il loro comportamento virtuoso durante l’emergenza Covid-19.

La prima a ricevere il premio durante la giornata è stata l’intera cittadinanza della provincia di Piacenza, di cui si è fatta portavoce il sindaco Patrizia Barbieri, che ha commentato: “È la Coppa d’Oro di chi non si è mai arreso, di chi non ha mollato nei momenti più difficili e ora rialza la testa”.  

A seguire sono stati premiati quattro campioni sportivi, tra cui due piacentini, emblema di una generazione su cui puntare per guardare con fiducia al futuro. Da Valentina Vezzali, schermitrice pluripremiata a Vanessa Ferrari, prima ginnasta italiana ad aver conquistato un oro olimpico, per poi concludere con Davide Colla, campione di kick boxing e Andrea Dallavalle, campione italiano assoluto di salto triplo.

Una giornata interamente votata alla celebrazione delle eccellenze: a partire da Ferrari, marchio automobilistico la cui identità è strettamente legata alla città di Piacenza, come testimoniato da Luca Dal Monte e Luigino Barp, che nel 1947 fu scenario del debutto della prima Ferrari 125.

Fausto Arrighi, ex-direttore guida Michelin ha sottolineato come il territorio abbia un patrimonio da diffondere e da difendere. Davide Scabin, chef stellato, ha dichiarato di avere recentemente scoperto la Coppa Piacentina DOP che, per caratteristiche e qualità, non ha nulla da invidiare al Culatello. Emanuela Rosa Clot, direttrice di Bella Italia ha ribadito come la pandemia abbia spinto gli Italiani a riscoprire il turismo di prossimità, grazie al quale si è assistito ad un rinnovato interesse verso la bellezza e ricchezza del territorio circostante, comprese le eccellenze enogastronomiche di grande qualità. A chiudere l’intervento è stato Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna (regione che vanta il maggior numero di prodotti certificati DOP e IGP) che ha ricordato le tre punte di diamante della Regione: Motor Valley, lo Sport e Food Valley.