A JOURNEY THROUGH ITALY
Wander through Italy’s wonders, without missing the best.
CARNIVAL recipes

In Lucania it is time for rafanata!

Widespread in Basilicata region, especially in Val d'Agri and the high hills of Matera, rafanata is a delicious and sharp Carnival recipe, symbol of a peasant tradition.

rafanata

Da sempre, il Carnevale è la festa dedicata ai dolci fritti, ma in Basilicata, quando le maschere sfilano per i vicoli dei paesini a ridosso di Matera, le massaie iniziano a impastare quella che potrebbe essere definita una via di mezzo tra una ricca frittata e una torta rustica: la rafanata.

Una preparazione gastronomica dalle accentuate note balsamiche e senza dubbio dal potere saziante, che rispecchia un tessuto sociale umile e semplice, quale quello contadino; un parallelismo, questo, che si ritrova anche e soprattutto nel modo in cui viene definito l’ingrediente che le regala il nome. Il rafano è infatti detto dai locali il “tartufo dei poveri”. Questa radice venne presumibilmente introdotta dai Normanni in Basilicata intorno al VI secolo e la sua anima indiscutibilmente pungente e vivace incarna l’essenza del popolo lucano.

Il piccolo comune di Aliano, in provincia di Matera, è il più fervente rappresentante di questa specialità gastronomica, ma la rafanata la si può ritrovare un po’ in tutta la regione, specialmente a Carnevale. Per prepararla, bastano pochi, semplici ingredienti. Vediamoli assieme!

 

Ingredienti per la rafanata

2 uova
400 g di patate lesse
100 g di rafano
100 g di mollica di pane casereccio raffermo
100 g di pecorino di Moliterno
Sale e pepe nero q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.

 

Procedimento

Bollire le patate in una casseruola dai bordi alti e, una volta cotte, pelarle e passarle con lo schiacciapatate, quindi lasciar raffreddare. Sbriciolare la mollica di pane; nel frattempo, in una terrina, mescolare le uova con una forchetta e aggiungere a queste le patate schiacciate e raffreddate, il pecorino, la mollica di pane e il rafano grattugiato. Regolare quindi di sale e pepe.
In un tegame antiaderente riscaldare un cucchiaio di olio extravergine di oliva, versare il composto e distribuirlo uniformemente. Quando i bordi della rafanata inizieranno a staccarsi dalla padella, la frittata sarà pronta per essere girata con l’aiuto di un piatto o di un coperchio. Ultimare la cottura della rafanata e servire.