VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEL BEL PAESE

Perdersi tra le bellezze d’Italia, senza perdersi il meglio.
IL PAESE DELLE DELIZIE

Squacquerone di Romagna DOP

Il suo nome fa pensare alla Riviera e alle piadine in spiaggia, ma in pochi sanno che, in origine, era un prodotto tipicamente invernale.

Lo Squacquerone di Romagna DOP è un prodotto di origine antica, fortemente legato all’ambiente rurale, dove era consuetudine produrlo e consumarlo durante il periodo invernale; in questa stagione, infatti, era possibile conservarlo per alcuni giorni.

Le prime tracce certe e documentate della sua produzione risalgono al 1800, come dimostra la corrispondenza inviata dal Cardinale Bellisomi Vescovo di Cesena, al vicario generale della diocesi cesenate. In particolare, in una di queste missive, datata 15 febbraio 1800, il Cardinale, in quel momento a Venezia in occasione del Conclave, chiede notizia sugli Squacqueroni richiesti e non ancora pervenuti alla sua mensa.

 

Caratteristiche

Viene prodotto con latte vaccino pastorizzato, fermenti selezionati autoctoni, caglio e sale. Le caratteristiche salienti dello Squacquerone di Romagna DOP che lo distinguono da altri formaggi a pasta molle e a maturazione rapida sono il colore della pasta bianco perlacea, la consistenza cremosa e la sua elevata spalmabilità, nonché il suo aroma delicato, tipicamente di latte, con una nota erbacea.
Il rispetto del rigido disciplinare di produzione che la DOP impone, rappresenta una garanzia di qualità per il consumatore e la sicurezza di un prodotto con caratteristiche organolettiche esclusive.

 

Abbinamenti

Lo Squacquerone di Romagna DOP può essere abbinato con grande successo alle marmellate e confetture, ai fichi caramellati, alle pere di stagione: il contrasto tra il gusto tipico del formaggio e il sapore dolce di questi prodotti è esaltante; ma, sicuramente l’abbinamento più noto è quello con la piadina: un classico della Romagna.